Ottobre e i palloncini che volano in alto

 

img_3699Giuditta è nata a dicembre, Lavinia a novembre e tu saresti dovuta nascere ad ottobre. Perfetto, ingegneristico diceva qualcuno prendendo in giro papà. Invece di perfetto non c’è stato nulla : tu sei nata con gli occhi chiusi, apparentemente senza un perché, in una calda giornata d’agosto. Sono passati quattro anni e tante cose sono cambiate…però ottobre resta il mese in cui saresti dovuta arrivare, in cui un fiocco rosa avrebbe dovuto sventolare fuori dal portone e in cui anno dopo anno avremmo dovuto festeggiare il tuo compleanno.

Ottobre è diventato un mese strano eppure ne aspetto l’arrivo come  attendo dicembre per il Natale, il nostro anniversario e il compleanno di Giuditta, novembre per quello di Lavi e luglio per quello di Aschy, giugno per l’estate…insomma come si aspettano i mesi in cui c’è qualcosa da celebrare. Non so se celebrare sia la parola giusta…forse dovrei usare ricordare. Non lo aspetto per farti la torta ma per lanciarti un palloncino e illuminare il cielo con la luce di una candela insieme a tante altre mamme e altri papà, quelli di tanti bimbi e bimbe che come te sono volati via troppo presto ma continuano ad abitare i cuori.

Domenica andremo al Raduno nazionale di CiaoLapo. Come abbiamo fatto lo scorso anno e quello ancora prima varcheremo la soglia del Giardino degli Angeli con il nostro palloncino rosa in mano e poi lo guarderemo volare in alto, verso l’infinito, con altri centinaia di palloncini rosa e celesti, e raggiungere quello spazio senza tempo che unisce il cuore e il cielo. Ci saranno sguardi, forse qualche abbraccio, lacrime e sorrisi. Vivremo per qualche istante sospesi tra il cielo e la terra, come accade ogni volta che pensiamo a te. Il lancio dei palloncini e i tanti altri eventi che animeranno Castel San Pietro sono organizzati da CiaoLapo l’associazione che i genitori di Lapo, Claudia e Alfredo, hanno creato trasformando il loro dolore in impegno, sostegno, ricerca. Se non avessi trovato il loro spazio in rete in quelle interminabili sere di agosto di quattro anni fa forse ora non starei qui a scrivere di te e lancerei palloncini al cielo solo quando nessuno mi vede.

Il raduno cade proprio nei giorni in cui era prevista la mia dpp…insomma nei giorni in cui avremo potuto festeggiare il tuo compleanno. E’ solo una coincidenza dovuta al fatto che ottobre è il mese dedicato alla consapevolezza sulla perdita perinatale e infantile che quest’anno nel nostro paese avrà come filo conduttore “la conoscenza che protegge”. #laconoscenzacheprotegge.  Molte iniziative si concentreranno il 15 ottobre perché in questa data si celebra il Babyloss Awareness Day.  In questo caso , qui a Bologna, l’appuntamento sarà in Piazza Maggiore dove alle 19 in punto accenderemo le nostre candele e la loro luce si unirà a quella di tutte le altre e fuso orario dopo fuso orario, paese dopo paese, abbraccerà il mondo in un’onda che, ancora una volta, unirà idealmente il cielo e la terra. Anche qui ci saranno lacrime e sorrisi, mani che si stringono o si posano su una spalla, sguardi in cui si fonderanno dolore e speranza. Nelle fiammelle delle candele, nelle lacrime e nei sorrisi ci sarà tutto il nostro amore, quello che custodiamo nel cuore!

 

 

 

 

 

 

Seguitemi e condividete se vi va
Potresti leggere anche:

Un pensiero riguardo “Ottobre e i palloncini che volano in alto

  1. Ottobre è un mese che celebri perché è il mese che avrebbe salvato la sua vita. E’ il mese in cui metti al mondo di nuovo tua figlia, è l’appuntamento con la vita che va e che ritorna, e tu questo viaggio tra terra e cielo lo sai fare sicuramente meglio di me e di tante mamme che hanno avuto la fortuna di stringere bimbi sani e di vederli crescere. Grazie per queste righe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *